110
Il Milan è pronto a riallacciarsi le cinture per ripartire in quel pazzo viaggio che si sta rivelando la Serie A. E la prossima tappa, da capolista, è a Napoli, in un campo dove i rossoneri non vincono da 10 anni. L'ultima volta c'erano Ibra, Bonera e Gattuso in campo, con la maglia del club meneghino... Tutti e tre ci saranno ancora, ma, tolto lo svedese, avranno panni diversi, con l'ex difensore sulla panchina milanista e l'ex centrocampista su quella del Napoli. Il campo pronto a tornare protagonista, quindi, ma un occhio è anche rivolto al mercato che verrà. 

IL TESORETTO - Ci sono i famosi 15 milioni di euro non spesi in estate, quelli offerti per Kabak, Simakan e Fofana e non accettati da Schalke, Strasburgo e Saint-Etienne. 15 milioni che fanno parte, quindi, di un tesoretto da investire nel mercato invernale, ma che potrebbero non essere i soli, visto che ci sono diverse situazioni che, con la giusta offerta, potrebbero arricchire i piani milanisti. 
CONTI, DUARTE E... - Andrea Conti e Leo Duarte faticano a trovare spazio al Milan. Il primo è stato fermo ai box per un infortunio, così come il secondo (dietro a Romagnoli, Kjaer, Gabbia, e con Musacchio pronto al rientro), con offerte che non porterebbero minusvalenze il loro futuro può cambiare: 7,5 milioni il costo di Conti, 7, all'incirca, quello del brasiliano. Per il primo c'è sempre l'interesse del Parma, per il secondo ci sono estimatori in Brasile. Ma c'è anche dell'altro, o meglio, c'è anche un altro che può partire:  Samu Castillejo. Come scrivono in Spagna, l'ex Villarreal può tornare in patria a gennaio: in passato ha sempre dato la priorità al Milan, dando il due di picche a diversi club, come l'Espanyol, ma con un'offerta convincente, da circa 15 milioni di euro, e con uno spazio che sembra diminuire sempre più, Maldini e Massara potrebbero farlo partire. E il Siviglia, dopo Suso, segue anche il malagueño...

IN ENTRATA... - Da 15/20 milioni senza cessioni, a più di 40 con le cessioni dei tre sopracitati (alle giuste condizioni). Una cifra che sarebbe importante che aprirebbe scenari di mercato interessanti. Non solo il difensore nel mirino, quindi, con Kabak dello Schalke che viene costantemente monitorato, ma anche altri profili: Szoboszlai, per il quale gennaio sarà un mese cruciale, visto l'interesse dell'RB Lipsia e di altre big, con quella clausola da 25 che fa gola avanti; Thauvin, un colpo a zero a giugno che si può provare ad anticipare (ma la richiesta da 5 milioni a stagione è ritenuta al momento troppo alta); Malen, il vice Ibra (e anche lui di Raiola, con il quale se ne sta già parlando) che strizza l'occhio al presente anche al futuro. Insomma, il difensore è la priorità, ma con le giuste cessioni c'è anche altro, tanto altro per il mercato rossonero. Un mercato per cui Maldini e Massara sono già pronti. Con le cinture allacciate.