Cristiano Ronaldo è rimasto in silenzio nell'immediato post Juve-Ajax che gli è costata la prima stagione senza semifinale di Champions da 8 anni a questa parte. Un silenzio assordante, perfino sui social dove lui è padrone di casa assoluto, e che fa un rumore incredibile in vista delle scelte presenti e future della Juventus.

FURIBONDO - Ronaldo è letteralmente furibondo per come è andata la gara, per come si è sviluppata questa bruciante eliminazione, ma soprattutto per come i suoi compagni hanno affrontato la doppia sfida con l'Ajax e le prime difficoltà arrivate nel corso dell'incontro. Voleva una Juve diversa, più arrembante e meno timorosa. Ronaldo non ha voluto commentare il ko, ma la reazione (comunicata anche alla madre ieri. "non faccio miracoli") unita alla mancata voglia di stare insieme perfino alla sua cerchia ristretta di amici fa riflettere.   LE SCELTE DI ALLEGRI - Voleva una Juventus diversa, racconta la Gazzetta dello Sport, meno bloccata in tatticismi fuori dal suo stile di gioco. Avrebbe voluto sicuramente in campo Joao Cancelo, più offensivo e crossatore più abile per attaccare la profondità e arrivare al cross come nella gara d'andata. Insomma, a Ronaldo non sono piaciute le scelte di Massimiliano Allegri, con cui il rapporto resta buono, ma che, inevitabilmente, mette in discussione molte delle prossime mosse del club bianconero.

UN ALTRO ANNO, POI... - La prima riguarda proprio il futuro del tecnico, confermato a parole dal presidente Agnelli ma con cui servirà un confronto diretto per capire come procedere. La seconda riguarda invece il futuro proprio di Cristiano Ronaldo. Secondo Repubblica non ci sono segnali per un possibile addio, ma la prossima sarà comunque l'ultima stagione in bianconero dell'asso portoghese che a giugno 2020, con due anni di anticipo sulla scadenza del suo contratto (2022), ha di fatto programmato il suo addio.