Sinisa Mihajlovic, allenatore della Sampdoria, parla ai microfoni di Sky Sport dopo la vittoria sul campo dell'Atalanta: "C'è stata una Samp dai due volti. Nel primo tempo la squadra non mi è piaciuta, per fortuna c'è l'intervallo. Oggi abbiamo giocato con tre punte vere, ho visto sacrificio da parte di tutti e credo che abbiamo meritato la vittoria".

LE TRE PUNTE - "Loro tre in avanti hanno fatto bene, a parte qualche pallone perso di troppo. Eravamo troppo lenti nel girare la palla. Alla fine ci siamo riusciti, Muriel ha fatto un grande gol, Eto'o si è sacrificato molto. Okaka aveva sbagliato un gol, poi alla fine è riuscito a trovare la rete della vittoria. Sbagliare quello - ride,ndr- era difficile. Ho chiesto ad Eto'o di fare un lavoro oscuro, ha giocato tanti palloni ed ha messo lo zampino sulla rete della vittoria. Quando sta bene come oggi può essere un valore aggiunto". SU MURIEL - "Ha tutte la carte in regola per diventare un campione. Da quando è arrivato ha giocato due volte ed ha fatto due gol. Deve allenarsi bene ed avere fiducia nel suo allenatore. Va sempre motivato, ma deve essere riconoscente alla società che ha fatto un grande sforzo per lui. Somiglia al Ronaldo, quello brasiliano, in molti movimenti. Non è ancora al top fisicamente, ma ha grande talento".

SUL MERCATO DI GENNAIO, CHE HA RIVOLUZIONATO LA SQUADRA - "Abbiamo cambiato tanti giocatori, come se fossimo una squadra che non funzionava quando invece andava tutto a meraviglia. Sappiamo quello che è successo, adesso però stiamo provando a rimediare. Quando Eto'o e Muriel saranno in condizione comunque ci divertiremo ancora. L'importante è che tutti siano motivati, ma a quello ci penso io".