37
Neanche il tempo di festeggiare la nomina a presidente della federcalcio che Carlo Tavecchio fa il primo fiasco: Antonio Conte ha risposto no alla proposta del successore di Abete.

L'ex tecnico della Juve non diventerà il nuovo ct al posto di Prandelli. Troppo profonde le divergenze: dall'ingaggio che Conte era disposto a ridursi, ma non a dimezzarsi rispetto a quanto percepiva alla Juve (quasi 3 milioni di euro) alla carta bianca che l'allenatore pugliese voleva assolutamente per riorganizzare il lavoro di tutte le Nazionali, non soltanto di quella maggiore. Il desiderio di Conte si è scontrato con Lotito, il tutore di Tavecchio (come lo chiama Cairo), peraltro fortemente contrario a Mancini nonostante la disponibilità dell'ex tecnico di INter, City e Galatasaray ad accettare l'incarico.
Ora Tavecchio ripiega su Guidolin o Zaccheroni, mentre prende corpo anche l'ipotesi Tardelli con Cabrini vice. A momento, l'impressione è che Tavecchio non sappia che pesci pigliare.