67

La conferenza stampa di presentazione di Milan-Cagliari di Massimiliano Allegri è tutta dedicata al calciomercato. Si apre, ovviamente con Matri: "Vorrei fare prima un in bocca al lupo a Boateng, si è congedato bene facendo due gol importanti - le sue parole - è arrivato Matri, giocatore che io conosco; avevamo bisogno di un giocatore con queste caratteristiche perché abbiamo perso Pazzini che l'anno scorso è stato determinante facendo 15 gol. Nocerino o Muntari? Se deciderò di far giocare Montolivo trequartista, De Jong giocherà al suo posto e Muntari, Nocerino e Poli si giocheranno due maglie".

Sul centrale difensivo: "Abbiamo fatto una valutazione sulla squadra e i numeri danno conferma perché l'anno scorso da gennaio abbiamo preso solo 12 gol. Oltretutto abbiamo la coppia centrale titolare fra le migliori del campionato. E poi conta soprattutto il lavoro della squadra. Poi credo che difensori centrali se ne trovino pochi almeno che non si vada a riprendere Thiago Silva". 

L'arrivo di Kakà? "Renderebbe il Milan più forte perché è un giocatore di grande qualità. Ci servirebbe, purtroppo negli ultimi due anni ha giocato poco. Aumenterebbe l'autostima della squadra e l'entusiasmo dei tifosi. Io sono fiducioso negli ultimi due giorni di mercato per quello che riuscirà a fare la società. Berlusconi e Galliani vogliono tenere il Milan ai massimi livelli. Al momento abbiamo questo gruppo, che comunque ha dato molte soddisfazioni e conosce i propri limiti, che è un segno di maturità".

La battuta sull'esonero: "È stata una battuta fraintesa, anche perché in tre anni ho avuto sempre un ottimo rapporto con il presidente, mentre con Galliani mi sento quotidianamente. Credo la cosa sia stata un po' ingigantita; sono contento di essere allenatore del Milan, devo portare a termine un'altra stagione importante, con il lavoro iniziato l'anno scorso. Io non ho mai chiesto il rinnovo del contratto alla società né ho intenzione di chiederlo. Del mio contratto ne parlerò dal 19 maggio".

 

Get Adobe Flash player