Commenta per primo

"Stay hungry, stay foolish". Massimiliano Allegri cita Steve Jobs per descrivere il momento del suo Milan. L'allenatore rossonero ha dichiarato in conferenza stampa alla vigilia dell'anticipo di sabato sera contro il Palermo a San Siro: "Sarà una partita molto importante e difficile perché loro sono una squadra organizzata e aggressiva, che gioca discretamente bene e ha entusiasmo. Bisogna stare attenti e concentrati perché loro chiudono bene gli spazi e danno poca profondità. Siamo pronti per fare una partita dove conta i risultato, dobbiamo vincere perché finora in campionato lo abbiamo fatto soltanto una volta. Per fare i tre punti bisogna essere coscienti di quello che dobbiamo fare, senza giocare con presunzione o sufficienza".

"Robinho per me come era Pirlo per Ancelotti? Sono due giocatori diversi. L'anno scorso Robinho ha fatto 14 gol e qualche volta ha dovuto portare la croce perché lo si accusava di sbagliare troppo sotto porta. Abbiati è sereno, non c'è nessun problema così come non esiste alcun caso Ibrahimovic o Cassano. L'anno scorso Abbiati ha dimostrato di essere il miglior portiere del campionato come rendimento, quest'anno ci sono stati questi due incidenti, ma non è diventato scarso e gode della mia fiducia. Ambrosini? Domani non c'è. Mexes? Valuterò oggi, per mercoledì sicuramente ci sarà".