Commenta per primo
La seconda giornata del girone di ritorno mette di fronte Palermo e Verona: rosanero con qualche problema di formazione a centrocampo (l'indisponibilità dell'ultim'ora di Rigoni costringe Iachini a schierare il croato Jajalo, appena arrivato) e la "solita" coppia Dybala-Vazquez in attacco. Al minuto 5 sostituzione forzata per Mandorlini: sfortunato il numero 26 Sala, sostituito da Christodoulopoulos. Appena due minuti più tardi, la rete gialloblù (quest'oggi in completo interamente bianco): calcio d'angolo dalla sinistra e colpo di testa di Tachtsidis che sorprende Sorrentino. La reazione palermitana non si fa attendere, e il pareggio arriva dieci minuti più tardi: punizione dal limite dell'area di Dybala che supera Benussi con un preciso sinistro a girare e sale a quota undici reti nella classifica cannonieri. Il primo tempo prosegue su ritmi alti, con una ghiotta occasione per Vazquez a pochi minuti dall'intervallo, su assist di Barreto. Nella ripresa, ospiti vicini al vantaggio al minuto 65 con Toni: il suo colpo di testa sugli sviluppi di un calcio piazzato esce di poco a lato della porta difesa da Sorrentino. Tre minuti più tardi, la prima sostituzione per i padroni di casa: Iachini manda in campo Belotti, al posto dell'esordiente Jajalo. Un segnale chiaro del tecnico rosanero, che vuole provare a vincere la gara con il tridente. Ed infatti, la rete arriva appena nove minuti dopo: è proprio il Gallo a portare in vantaggio il Palermo, sfruttando al meglio un cross dalla sinistra di Vazquez e beffando con un colpo di testa in tuffo l'ex portiere rosanero Benussi. Chochev prende il posto del mudo Vazquez, per garantire maggiore copertura a centrocampo, e la squadra di casa va nuovamente vicina alla rete, sempre con Belotti: Dybala salta un avversario all'interno dell'area di rigore e serve il compagno, il suo tocco sfiora il palo. Il Verona è però vivo, ed un'azione in ripartenza consegna a Toni una ghiotta occasione per il pareggio, bravo Sorrentino ad uscire in presa bassa e deviare il pallone che, altrimenti, sarebbe arrivato all'ex attaccante palermitano. Ma il risultato non cambia, e consegna ai rosanero la vittoria dopo tre giornate: grazie all'affermazione odierna, gli uomini di Iachini salgono a 30 punti in classifica. Il Verona, dopo questa sconfitta, resta a quota 24 punti in graduatoria. 

PALERMO

L'attaccante del Palermo, Andrea Belotti: "Qualcuno dice che è stato autogol? La palla l'ho toccata io, ne sono sicurissimo. Ma a prescindere da tutto sono soddisfatto per aver vinto una partita importante, loro si sono difesi bene e giocavano chiusi per ripartire. In tribuna oggi c’erano i miei genitori, sono venuti a trovarmi per la prima volta quest'anno e dedico la rete a loro. Siamo a due punti dall'Europa? Il nostro primo obiettivo resta sempre la salvezza, se arriverà qualcosa in più ce la prenderemo volentieri".
VERONA

Il difensore del Verona, Vangelis Moras: "Dispiace dover commentare una sconfitta, non meritavamo di perdere dopo aver costruito così tante occasioni. Ci sarebbe piaciuto uscire con punti importanti da un campo difficile come quello di oggi, ma pensiamo fin da subito alla prossima partita".