93
Mercato bloccato, almeno fino a quando l'Inter non avrà sistemato la questione della proprietà. Con o senza Suning in sostanza, ma con un progetto sportivo che dovrà andare avanti e le cui idee di sviluppo sono tutt'altro che ferme. Gli uomini mercato nerazzurro stanno sondando il terreno per diverse piste in entrata che, però, devo passare prima di tutto da un'opera (a prescindere da quale sarà la proprietà) di contenimento dei costi perché l'impatto della pandemia Covid si sta facendo pesantemente sentire. E in quest'ottica va considerata la voce rimbalzata dalla Francia sull'interesse del Marsiglia per Arturo Vidal. 
 
 


VIDAL E SAMPAOLI - Secondo quanto riportato dal portale francese Le 10 Sports, infatti, l'arrivo dell'ex ct del Cile Jorge Sampaoli sulla panchina del Marsiglia ha aperto un nuovo scenario per il centrocampista nerazzurro. L'allenatore argentino vorrebbe riabbracciare il centrocampista allenato proprio in nazionale ed è pronto a chiede al proprietà uno sforzo per acquistarlo.
IL SUGGERIMENTO DI WILLIAMS - E l'Inter? Qualche giorno fa il dimissionario CFO Tim Williams aveva ribadito che: "​Quando normalmente avremmo potuto cogliere l’opportunità per ridurre gli stipendi della rosa, oltre a generare denaro aggiuntivo attraverso la vendita di giocatori, la situazione Covid ha reso tutto più difficile. Probabilmente stiamo portando un livello di salario leggermente superiore a quello che vorremmo". In quest'ottica l'uscita eventuale di un calciatore come Arturo Vidal, non protagonista al 100% in questa stagione e con un ingaggio netto da 6 milioni annui fino al 2022 con opzione per un terzo anno, potrebbe rappresentare una chance importante per il bilancio societario.

IL 'PROBLEMA' DECRETO CRESCITA E QUEL BONUS... - A prescindere dalla volontà tutt'altro che secondaria di Vidal, per l'Inter ora si apre quindi uno scenario non esente da criticità. La prima è il bonus da 1 milione di euro che il club dovrà garantire al Barcellona (a cui non è stato pagato nulla al momento dell'acquisto estivo) in caso di vittoria dello scudetto. La seconda è più importante e legata alla scelta di usufruire dei vantaggi del Decreto Crescita per l'ingaggio del cileno. L'Inter sta infatti garantendo a Vidal circa 6 milioni netti all'anno pagandone al lordo soltanto 8 grazie agli sconti irpef della suddetta legge per cui, però, è necessario mantenere la residenza fiscale in Italia per almeno due anni. Cedendolo in estate chi salderebbe con l'erario la cifra scontata finora? A conti fatti fin da oggi ballerebbero circa 5 milioni di euro.