14
E con quello di oggi sono 9 gol in 22 partite di Serie A per Andrea Petagna, che continua a segnare con grande regolarità. I ritmi sono quelli della scorsa stagione, ma con una Spal ultima in classifica e dunque nettamente più in difficoltà. L’attaccante classe 1995 ha realizzato esattamente il 50% dei gol della sua squadra, 9 su 18. In un’annata fin qui complessa - in settimana è arrivato anche l’esonero di Leonardo Semplici, sostituito da Gigi Di Biagio - Petagna fa quello che gli riesce meglio: i gol. Quelli che hanno convinto il presidente del Napoli De Laurentiis a investire per lui già nel mercato di gennaio.

L'OPERAZIONE - Per 17 milioni di euro più 3 di bonus, il club partenopeo ha chiuso con la Spal nella scorsa finestra di mercato. Un colpo importante in vista della prossima stagione per il Napoli, che crede fortemente nelle qualità dell’attaccante. Una trattativa veloce, che ha visto De Laurentiis protagonista in prima persona: ha incontrato Petagna e gli ha garantito di voler puntare seriamente su di lui, ci credere nell’operazione e nelle sue potenzialità. Tanto che oggi, nel match delle 15 perso dalla Spal contro il Lecce, il presidente ha voluto vedere il suo futuro attaccante all’opera. Ed è rimasto ancora una volta piacevolmente stupito dalla prova di Petagna, anche oggi a segno.
I NUMERI - Con la rete di oggi, l’ex Atalanta e Milan ha raggiunto l’attuale centravanti del Napoli, Arek Milik, a quota 9 gol. Numeri importanti, perché Petagna nel contesto Spal da due anni segna quanto Milik e Mertens al Napoli, questo dicono i dati: l’anno scorso Petagna è arrivato a 16 gol in 36 partite, uno solo in meno di Milik ed esattamente lo stesso numero di reti realizzate da Mertens. Il Napoli crede fortemente in Petagna, De Laurentiis in primis: gli ha promesso che non subirà lo stesso trattamento di Roberto Inglese, arrivato nel 2017 e “parcheggiato” in prestito prima al Chievo e poi al Parma, prima di una nuova cessione a titolo definitivo. Petagna è stato preso per giocare nel nuovo Napoli. Perché la rivoluzione - con gli acquisti già chiusi di Rrahmani e Petagna stesso - è soltanto all’inizio.