21
Angél Di Maria e la Juventus si incrociano da anni. Dai tempi del Real Madrid è sempre stato accostato ai bianconeri, un'idea proposta e riproposta da agenti diversi che si sono susseguiti per affiancare l'argentino: niente da fare, il discorso non è mai decollato e il suo contratto a scadenza tra un anno suggerisce l'operazione a costo zero per diverse società. Il Paris Saint-Germain è soddisfatto del rendimento di Di Maria ma non ha ancora concluso un accordo per il suo rinnovo, ecco perché tutto è aperto e tra 6 mesi si potrebbe bloccare l'ex United a parametro zero per l'estate 2021.


LA JUVE E' FREDDA - Da parte propria la Juventus è fredda come lo è stata anche dopo l'operazione Cristiano Ronaldo: l'agente Jorge Mendes ha fatto il nome di Angél Di Maria per i bianconeri quando ha instaurato un rapporto forte con l'affare CR7, Paratici ha sempre preferito investimenti diversi sugli esterni. Questione anche di costi e di età, l'ingaggio dell'argentino a Parigi supera i 10 milioni di euro e tra dodici mesi compirà 33 anni. Ecco perché la Juve preferisce un investimento più pesante su un cartellino come quello di Kulusevski in prospettiva, Di Maria è stato molto vicino in passato tra manovre di disturbo all'Inter che lo voleva e un tentativo reale. Prima di CR7 in bianconero, appunto. Perché il monte ingaggi è cambiato col portoghese e Angél - anche stavolta - non scalda la Juve.
Ascolta "Di Maria e la Juve stavolta a costo zero: l'idea dall'affare CR7 non decolla più" su Spreaker.