263
La situazione di Cristiano Ronaldo tiene banco, sarà così fino a quando non verrà posta la parola fine. E non potrebbe essere altrimenti. Nel frattempo però c'è un altro caso assolutamente aperto in caso Juve, lo è da tempo ormai, forse troppo. Quello legato a Paulo Dybala. Che spinge per tornare in campo il prima possibile, assente per infortunio dal 10 gennaio è in generale protagonista di una stagione da incubo, quasi persa. Aspettando di ritrovare campo e fiducia, la trattativa per il rinnovo (autentico tormentone) è sostanzialmente congelata, l'eliminazione dalla Champions non aiuta acuendo le difficoltà economiche del club bianconero, in generale la priorità è ora quella di ritrovare la miglior versione della Joya. E con l'attuale contratto in scadenza al 30 giugno 2022, si sta già battendo in lungo e in largo il mercato internazionale, alla ricerca dello scambio giusto per sistemare il bilancio e allo stesso tempo trovare giusti equilibri in campo. Da tempo è nell'aria uno scambio con Mauro Icardi, se ne discuteva tra una provocazione e un'ipotesi già quando Maurito era ancora all'Inter, lo si fa più che mai ora che è al Psg. Ma è col Barcellona che in queste settimane, nonostante la confusione totale che avvolge i blaugrana, è stato cercato un incastro virtuoso. Con il Barça che ha le idee chiare sul giocatore da utilizzare come pedina di scambio: Antoine Griezmann.
IL PUNTO – Non è semplice, anzi è piuttosto complicato. Intanto bisogna capire come andrà a finire la telenovela Leo Messi, difficile trovare uno spazio per Dybala nel caso in cui alla fine Messi dovesse restare al Camp Nou. Ragionamenti sul fronte Griezmann però sono già in atto. L'età rappresenta un primo ostacolo, anche attraverso uno scambio la Juve dovrebbe comunque fissare un investimento importante per un giocatore che tra pochi giorni compirà 30 anni e che nel biennio al Barça sembra aver smarrito la strada maestra, quella che lo aveva reso uno dei giocatori più forti al mondo tra Atletico Madrid e Francia. Strettamente collegato a questo c'è il tema dell'ingaggio, Griezmann attualmente guadagna 18 milioni netti (24 lordi) con aumento già programmato di altri 3 milioni da luglio in poi: una cifra fuori budget in questo momento, servirebbe una sensibile riduzione dell'ingaggio da parte del francese, figlia della volontà di ripartire lontano da Barcellona. Anche perché in casa Juve si va verso una riduzione del monte stipendi, già lo scorso mercato ha visto arrivare giocatori che non andassero oltre i 10 milioni di ingaggio lordo, in tal senso l'ostacolo è chiaro anche ipotizzando non solo la partenza dello stesso Dybala ma pure quella di CR7. Le riflessioni però sono in corso, i rapporti con il Barcellona poi aiuterebbero per individuare la cifra esatta da affiancare al cartellino dei due giocatori coinvolti. Gireranno pochi soldi ma molti giocatori importanti, la fantasia non mancherà. E di Dybala, come di Griezmann, in fondo, si è appena cominciato a parlare.