1
Ora è ufficiale: il prossimo Europeo, che prenderà il via l'11 giugno, prevederà liste allargate a 26 calciatori per le nazionali partecipanti. A renderlo noto in mattinata è stata la Uefa, che ha dunque raccolto l'appello lanciato da diversi commissari tecnici - tra cui Roberto Mancini - e ha varato delle nuove linee guida in considerazione dell'emergenza pandemica tuttora presente nel continente.

Le squadre che prenderanno parte ad Euro 2020 dovranno comunicare la lista definitiva dei giocatori entro e non oltre il prossimo 1° giugno, lista che sarà tuttavia passibile di modifiche in maniera illimitata e sino al giorno precedente alla prima partita da disputare, nel caso in cui ci si trovasse di fronte a gravi infortuni o a situazioni legate a positività al Covid-19 o a misure di quarantena. Nonostante il numero dei calciatori ammessi alla competizione passi dai canonici 23 a 26, nelle distinte pre-gara non saranno ammessi più di 23 atleti, con 12 calciatori di riserva a disposizione.

La Uefa precisa inoltre che il nuovo regolamento contempla la possibilità di sostituire un portiere vittima di infortunio o di malattia prima di ogni partita, nonostante in lista gli altri due selezionati siano considerati disponibili. Infine, in merito alle misure di prevenzione e contenimento del contagio in caso di atleti positivi durante il torneo, i giocatori con tampone con esito positivo o quelli considerati stretti contatti di un positivo, destinati dunque all'isolamento, saranno considerati sostituibili in quanto casi di seria malattia.