395
Ad Appiano c’è chi lo cerca da tempo, ne richiede la presenza, ma Zhang è lontano, anzi, distante. Il presidente dell’Inter popola i social con l’assiduità di un fashion blogger, ma in viale della Liberazione manca da mesi. Una fuga tattica? Il dubbio sorge spontaneo, perché il rampollo Zhang è andato via nel momento più caldo, esponendo Marotta alla gogna mediatica. Contrazione dei ricavi, debiti coi dipendenti, pagamenti posticipati grazie alla comprensione delle altre società: non c’è il becco di un quattrino e Suning tace. Assordante silenzio

Eppure Zhang sapeva parlare, amava farlo con continuità, esaltando il potere economico dell’azienda che fa capo al padre: “Riusciremo a schiacciare tutti quanti, sia in campo che fuori: l'obiettivo deve essere tornare a parlare di titoli e ambire alla vittoria". Discreta arroganza, possono permetterselo, si diceva... Poi il Covid e i diktat del Governo cinese li hanno chiamati in ritirata, provvisoria o definitiva si capirà. Cercano soci, lo fanno a distanza di un comunicato che pochi giorni dopo si sarebbe autodistrutto, mostrando tutte le incongruenze di una proprietà che pochi mesi prima proiettava Messi sui muri e prometteva Tonali vestendolo di nerazzurro. Abbiamo provato a chiedere spiegazioni anche di questo, qualcuno ci ha risposto che da quelle parti vivono diversamente certe cose, ci scherzano su e ci danno meno peso... In Italia si chiama invece brutta figura, volendo edulcorare il concetto
Ma torniamo alla prima domanda: dov’è Zhang? Perché non parla? Quale è il motivo della sua sparizione? Perché ha lasciato l’Inter in crisi economica volando a migliaia di chilometri di distanza? Perché ad oggi non si conosce la data del suo rientro e perché non manifesta la stessa audacia dei bei tempi? Divenuto presidente dell’Inter a 25 anni, qualcuno aveva urlato al miracolo, ne aveva celebrato il mito. Quanto sbagliavano. Non era pronto e non lo è tuttora, nonostante si siano impegnati moltissimo a camuffarne le lacune. Adesso l’Inter ha bisogno di una voce credibile e rassicurante, l’occhio del padrone ingrassa il cavallo, ma di fatto è proprio un nuovo proprietario che l’Inter sta cercando.