Il Conte che ci aspettavamo. La sua prima conferenza stampa all'Inter non è stata uno show. Anzi, il nuovo allenatore nerazzurro è sembrato un po' teso e nervoso, ma forse non è necessariamente un male. Ha detto una grande verità: "I top player servono in campo". Non è mai stato un grande comunicatore alla Mourinho, il meglio lo dà in panchina e sul campo d'allenamento. Dove oggi inizia il ritiro pre-campionato a Lugano. 

Ci sono anche Icardi e Nainggolan, entrambi "fuori dal progetto" come annunciato da Marotta. Il quale ha aggiustato il tiro rispetto alla dichiarazione rilasciata quasi cinque mesi fa dal presidente Steven Zhang: "Icardi mai alla Juve". Ora la porta è aperta anche ai bianconeri, che però continuano furbescamente a prendere tempo. 

Inoltre c'è un terzo giocatore sul mercato in uscita: Miranda. Nemmeno nominato da Conte, che ha citato D'Ambrosio, Bastoni e Ranocchia come alternative ai titolari Skriniar, de Vrij e Godin. Non si tratta di un semplice lapsus, il nazionale brasiliano è in vendita. Il suo contratto da 3,5 milioni di euro netti all'anno sarebbe scaduto lo scorso 30 giugno, ma a fine ottobre l'Inter glielo ha rinnovato anche per la prossima stagione. La Roma cerca un difensore centrale: Miranda può diventare la chiave per riaprire la trattativa Dzeko?