146
A segno peraltro stasera in Nations League contro il Portogallo, Alvaro Morata è ancora un'incognita per la Juventus, dato che teoricamente dovrebbe tornare all'Atletico Madrid ma di fatto il club bianconero sta provando a capire se ci sono margini per trattenerlo. Mentre la situazione di Moise Kean appare più sicura: farà parte dell'organico anche nella prossima stagione. Questo perché il prestito di 7 milioni di euro dall'Everton è biennale, quindi pure nel 2022-23 il cartellino non apparterrà alla Juve. Il riscatto, obbligatorio l'anno prossimo, è di 28 milioni, quindi l'unica possibilità per poter vendere Kean sarebbe quella di riscattarlo anzitempo a quella cifra (l'Everton sconti non ne fa, e in fondo perché dovrebbe?) e poi cercare una soluzione in uscita.

GIÀ, MA QUALI SOLUZIONI? - Giocando a ipotizzare lo scenario di un Arrivabene che tira fuori i 28 milioni per il "riscatto prematuro", trovare poi una cessione a titolo definitivo appare quasi impossibile: quale squadra è disposta a pagartelo oltre 30 milioni dopo una stagione difficile come quella appena terminata? Bisognerebbe trovare semmai una formula di prestiti: i nomi più papabili ad oggi sarebbero West Ham, Newcastle e quello stesso Paris Saint-Germain dove l'attaccante vercellese ha disputato un buon 2020-21. Tanto buono da indurre il board juventino a puntare su di lui dopo la partenza shock di Cristiano Ronaldo.
SÌ MOISE NO JACK, NO MOISE SÌ JACK - Dalla permanenza (probabile) o dall'eventuale partenza di Kean dipende l'arrivo o meno di Giacomo Raspadori. Max Allegri è stato chiaro con la società: per i ruoli più "da titolare" vuole giocatori pronti. Per riempire lo slot lasciato libero da Morata, vuole un giocatore di profilo già alto; se ancor giovane meglio, ma la priorità è che sia di livello comprovato, dunque niente Raspadori. Per riempire uno slot lasciato da Kean, invece, l'allenatore sarebbe disposto a un acquisto più di prospettiva. E allora sì che si andrebbe sul coetaneo di Kean che gioca nel Sassuolo. Un intreccio tra ragazzi nati entrambi a febbraio 2000.