7
Il nuovo attaccante della Lazio Ricardo Kishna ha parlato a Voetbal International: "Sapete cos'è che non vedo l'ora di provare? La libertà che gli attaccanti della Lazio hanno nel modo di giocare che ha la squadra. Qui sono molto più dinamici. Il mister mi vede in ogni posizione d'attacco, compreso quella da numero 10. Ora voglio concentrarmi nel fare l'esterno sinistro, anche se io non ho problemi a giocare anche a destra. Pensate che in casi di emergenza ho giocato anche come terzino sinistro. A Roma, potrò giocare con fantasia e avere tante possibilità nella fase d'attacco. Il mister mi ha chiesto di fare subito pressing, una volta persa la palla. Qui ho grande fiducia nella squadra, nel mister e nella società: ci sono tutti gli ingredienti giusto per fare un grande salto in avanti sia come calciatore che come persona. Sono perfettamente consapevole di quello che dovrò fare qui alla Lazio. Ad Amsterdam non era un segreto che il mio rapporto con Frank de Boer non era buono. Spesso sembrava che la situazione potesse migliorare, poi però ricorrevano sembre le stesse problematiche. Ad un certo punto, non vedevo come tra di noi ci sarebbe potuta essere una cooperazione. Per questo motivo, pur avendo  buoni rapporti coi miei compagni, ho lasciato il club con sensazioni negative. Adesso ho invece grande fiducia in me stesso, nell'allenatore e nella società".