78
L'Inter fa cassa e inizia a sfoltire una rosa che, a oggi, conta 34 giocatori. Beppe Marotta, amministratore delegato nerazzurro, insieme a Piero Ausilio sta vivendo giorni caldi quando si sta per entrare negli ultimi 10 giorni di mercato, i più caldi di tutti. E la trattativa più calda, per il momento, è quella che sta conducendo Matias Vecino al Napoli

I DETTAGLI - Richiesta di Gattuso, l'uruguaiano è a un passo dal diventare un nuovo giocatore partenopeo: operazione in prestito con obbligo di riscatto al verificarsi di determinate condizioni, col giocatore, attualmente infortunato ma prossimo al rientro, che vedrà il suo ingaggio interamente pagato da Aurelio De Laurentiis. Ma l'ex Fiorentina, che fa eco a Godin, prossimo al Cagliari, è solo il primo della lista. 
CANDREVA E VECINO - Sebastiano Esposito è promesso sposo della Spal, e anche questo si sapeva. Ora tocca ad Antonio Candreva e Andrea Ranocchia: tocca ai diretti interessati sciogliere gli ultimi dubbi, con l'Inter già d'accordo con Sampdoria e Genoa. Tutte situazioni che si possono chiudere a breve. Poi c'è il nodo Nainggolan, ma qui la storia è differente. 

UNA SOLA VIA - La volontà dell'Inter è chiara: il belga può andare via ma solo a titolo definitivo. E i discorsi col Cagliari sono sempre aperti, con Di Francesco che non vede l'ora di riavere con sé il centrocampista classe '88. Si entrerà nel vivo, per il futuro del Ninja, la prossima settimana: serve un prestito con obbligo di riscatto per convincere la dirigenza interista a cedere Nainggolan, pronto a tornare in Sardegna e con un accordo di massima già trovato (l'attuale ingaggio da 4,5 milioni a stagione per i prossimi due anni verrebbe spalmato su un quadriennale). L'Inter tratta, parla e pensa a cedere. Per fare cassa. E regalare un possibile ultimo botto di mercato