Commenta per primo
A Sky Sport 24, Claudio Lotito, presidente della Lazio, commenta così la stangata inflitta dalla Uefa alla Lazio: due turni a porte chiuse in Europa League: "Non ce lo aspettavamo, è un provvedimento abnorme rispetto alla realtà. Si sono verificate una serie di situazioni che non sono riconducibili a colpe da parte della società. Il club s'è adoperato per debellare certi fenomeni, invece ci ritroviamo penalizzati da questi comportamenti. Lo stadio chiuso significa togliere una spinta alla squadra ed un danno economico. Bisogna distinguere i tifosi dai delinquenti, chi prende queste decisioni non conoscono la realtà romana perchè certe cose fanno parte del passato, di dieci anni fa ed invece per pochi individui si penalizza una tifoseria intera. Da quando sono presidente ho messo a repentaglio la mia incolumità per eliminare certi fenomeni. Faremo ricorso, come fa un ispettore a contare duecento tifosi che fanno determinate cose, tra l'altro in uno stadio con migliaia di sostenitori. Vedremo le riprese televisive".