181
L'ex presidente dell'Inter, Massimo Moratti, ha parlato del momento dell'Inter e della proposta fatta dal sindaco di Milano, Beppe Sala, di un San Siro senza sigarette.

SAN SIRO SENZA SIGARETTE - "San Siro smoking free? Trovo sia giusto... bisogna anche avere rispetto per chi ti sta accanto. Accetto la decisione. Del resto già qualche anno fa si era parlato di un’iniziativa simile e pensi che c’era mia moglie al Comune di Milano. Si può resistere anche senza sigaretta, anche se per qualcuno non è facile. Del resto avete visto com’è andata con il divieto di fumare nei locali pubblici? Dopo tante polemiche, durate anni, adesso in molti sono d’accordo. Certo, a San Siro sarà più complicato andare fuori un attimo per fumarsi una sigaretta, però mi adeguerò".

PER AMORE DELL'INTER - "Per l’Inter sono disposto anche a fare questo sacrificio, e poi ci pensa la squadra a regalarmi altre emozioni. Adesso fumo molto di meno. Sono già sulla buona strada e pronto a rispettare il divieto se venisse applicato".
SCUDETTO - "L'anno buono per lo Scudetto? Dovremmo essere più fortunati. La squadra c’è, l’allenatore pure. Mi aspetto un girone di ritorno ricco di emozioni sognando il finale che tutti i tifosi nerazzurri sognano".

CONTE - "Antonio Conte è davvero bravo... Sa rivalutare tutti i giocatori e nel lavoro che fa ci mette l’anima e il cuore. Oltre a grandi competenze".

SOLDI - "È normale che ora il destino abbia spinto il club dove ci sono possibilità economiche, io ho già dato tantissimo. E mi va bene così. Spero vincano tanto, a costo di rinunciare alle mie sigarette".