Commenta per primo
Il capitano della Sampdoria dello scudetto Luca Pellegrini non ha dubbi. L'esperienza di Massimo Ferrero alla guida del club blucerchiato è da considerarsi finita. Sfumata la possibilità Vialli, il futuro del Doria sembra molto legato alle vicissitudini del Viperetta, ma Pellegrini rivela quello che sarebbe il suo sogno.

"Per il bene di tutti sarebbe meglio che le strade una volta per tutte si dividessero. Poi mi dirà: ma chi la prende? Questo non lo so. Se li avessi la prenderei io, ma non posso accontentarlo, non ho tutti quei milioni… Vialli presidente? Sarebbe stata la miglior risposta di Gianluca a Roberto, CT della Nazionale".

Pellegrini ha poi parlato di varie tematiche legate al mondo Samp, a partire da Audero: "Lo scorso anno ha fatto un buon campionato parando alle volte anche l'imparabile. Quest'anno invece ha fatto fatica alle volte a parare anche il parabile. In questi casi si dice che è da rivedere. Colley? Stanno uscendo tutti i suoi limiti.Gli manca la capacità di rimanere dentro la partita tutti i novanta minuti. In questo campionato sta facendo tanti errori, sta dimostrando di non essere quello dell'anno prima. Giampaolo con l'applicazione riusciva a colmare qualche suo limite".
Su Murillo invece l'ex difensore ha le idee chiare: "Prenderlo un investimento sbagliato. In Italia abbiamo il vizio di riprendere giocatori che hanno già giocato nel nostro campionato con poco successo" ha detto a Tuttosport. "Quando in squadra hai già un giocatore istintivo, al suo fianco ci deve essere un difensore che usi meno i muscoli e più la testa, che sappia compensare i limiti altrui. Lui e Colley erano male assortiti. Con Tonelli dall'inizio la Samp probabilmente avrebbe fatto meglio e probabilmente anche Colley. Chabot? Giusto dargli ancora una possibilità".

Interessante anche la diciarazione su Quagliarella: "Dovrebbe capire che non deve condizionare l'allenatore nelle scelte: se qualche volta ti tolgono prima o ti fanno entrare a mezz'ora dalla fine non succede niente. Chiaro che nella Samp di oggi diventa difficile fare a meno di lui. Ma qui entra il discorso mercato. Si è scelto di avere solo Bonazzoli. L'anno prossimo? Mi auguro che sia tanto intelligente e che abbia anche l'umiltà di capire quando arriverà il momento di fare la chioccia" conclude Pellegrini.