10
Ieri è arrivata la parola 'fine' (o quasi) al processo tamponi che ha visto protagonisti la Lazio, i suoi medici Pulcini e Rodia, e ovviamente il presidente Lotito. La Corte d'Appello federale secondo quanto richiesto dal Collegio di Garanzia del Coni ha riformulato la sentenza concedendo sconti importanti a tutti i protagonisti. Da 12 mesi di inibizione i sanitari sono scesi a 5. Da 200mila euro la multa per il club è passata a 50mila e infine il patron biancoceleste ha visto ridotta la richiesta di 12 mesi di inibizione (poi passata a 10) a 2 mesi. Una sentenza che gli permetterà nuovamente di presenziare al consiglio federale in attesa dell'uscita delle motivazioni e di eventuali ricorsi della Procura. Intanto, intercettato da Il Messaggero dopo la pubblicazione del dispositivo ecco come si è espresso Lotito: "Le sentenze non si commentano. Sono solo contento di poter tornare a lavorare subito in consiglio".