6
L'ex centravanti del Milan Andriy Shevchenko ha concesso una lunga intervista a Dazn trattando diversi argomenti legati ai rossoneri, le sue dichiarazioni.

LEONARDO E MALDINI - "Da quando è cambiata la gestione societaria, con Leonardo e Maldini, gli obiettivi sono sempre stati chiari: il loro arrivo ha dato equilibrio e tradizione, finalmente il Milan è composto da gente che ha fatto la storia del Milan, che conosce la tradizione di questo club e sa fare bene il proprio lavoro. Ora sono molto contento, io resto sempre legato a questa società, sento quasi di lavorare ancora per il Milan... Sono legato al club, ai tifosi e all'Italia".

GATTUSO - "E' sempre stato pieno di carica, disponibile con tutti. Ti dava un'energia incredibile. In campo e fuori è sempre stato un leone, una persona disposta a dare l'anima per la sua squadra. Parlavo di lui con Ancelotti, pensando al nostro Milan: tanti miei ex compagni ora fanno gli allenatori, significa che in quella squadra c'erano tanti giocatori intelligenti. Rino sta facendo grandi passi avanti, sta trasformando la squadra a sua immagine".

PIATEK - "L’ho visto già al Genoa, ha fatto dei gol bellissimi. Quando è arrivato al Milan ci ha messo pochissimo a entrare nei meccanismi della squadra, sta segnando tanto e i suoi sono tutti gol da vero attaccante. A me piace soprattutto il gol che ha segnato contro la Roma. dimostra che ha un fiuto speciale per il gol, lui legge prima degli altri l’azione. Noi siamo diversi ma lui ha, comunque, questo dono calcistico di leggere benissimo la situazione che sicuramente giocando qui in Italia lo aiuterà tanto. Ha tanta potenzialità di crescere ancora. Lui calcia benissimo, mi piace ogni volta quando si gira, stoppa il pallone molto bene per provare subito dopo a finire l'azione".

PAQUETA' - Sta crescendo, ha dato al Milan un nuovo equilibrio in mezzo al campo e, secondo me, non ha ancora fatto vedere tutto il suo talento. Deve giocare, ma già ora sta facendo benissimo e può solo crescere. Ha dato al Milan quello di cui la squadra aveva bisogno: si trova benissimo tra le linee, ha un gran sinistro, ha geometrie, detta i tempi alla squadra. E poi, fa anche gol".