Si scrive Krzysztof Piatek, ma si pronuncia Piontek seguendo uno sponsor d'eccezione come Zibi Boniek. Ci ha messo poco questo ragazzone polacco per conquistare la scena e i titoli sui giornali:  sette gol tra campionato e Coppa Italia con il poker rifilato al Lecce in soli 40 minuti. E' partito l'inseguimento a Sarabia del Betis Siviglia tra i cannonieri europei, segna più di Aguero e Messi. Nella Genova rossoblu è già scoppiata la Piatek mania.

NEL SEGNO DI LEWANDOWSKI - 'In Polonia si parla tanto di lui. - esordisce a calciomercato.com Lepa Marcin, giornalista televisivo di Polsat Sport - Recentemente ha detto di trovarsi benissimo a Genova, crede molto nelle sue qualità e nelle sue possibilità di incidere in serie A. In questo momento è più in forma di Milik e siamo curiosi di capire se sarà titolare già nella sfida contro l'Italia del 7 settembre'. Magari proprio al fianco di quel Robert Lewandowski che è sempre l'esempio da seguire: 'Si, per caratteristiche, forza fisica, buona abitudine al lavoro duro può assomigliare a lui. E’ bravo di testa, rapido nel prendere la decisione giusta, sa inserirsi negli spazi. Assomiglia piu’ a Robert che a Milik'.

TRA ESULTANZA E PREMIER LEAGUE-  Di Piatek stupisce la caparbietà sotto rete e quella esultanza con il gesto delle pistole: 'In Polonia gli attaccanti sono chiamati  napastnik- aggiunge Marcin-  ma si  si usa anche parola strzelec che significa pistolero, tiratore'. Il Genoa gongola per quello che potrebbe diventare un attaccante molto ambito, magari in Premier League: 'Credo che il Genoa e Genova siano perfetti come club e città per lui. Se dovesse segnare 15 reti tutto diventerebbe possibile. So che studiava l'inglese, magari gli può servire per il futuro (ride ndr)'.

RETROSCENA DI MERCATO - 32 gol in 71 presenze con il Cracovia gli sono valsi la chiamata del Grifone che ha sborsato 5 milioni di euro per il cartellino del classe 1995:  'Devo dire che l'operazione Piatek è stata una grande intuizione del Presidente Preziosi- racconta a calciomercato.com il direttore generale del Genoa Giorgio Perinetti -. Siamo contenti del suo avvio, è un attaccante con delle qualità evidenti e la somma elargita per il suo acquisto credo sia stata anche relativamente bassa se si confronta con il valore del ragazzo'. Il Grifone ha dovuto battere una nutrita concorrenza: 'Diverse squadre tedesche, tra cui credo il Borussia Dortmund, e sicuramente il Sassuolo'.