34
Uno striscione con scritto "Porco vendi!" posto sul marciapiede di fronte all'ingresso della redazione del quotidiano La Stampa e, sopra di esso, la testa di un maiale decapitato con a fianco il nome "Cairo". E' l'ultimo capitolo, in ordine di tempo, di una contestazione nei confronti del presidente del Torino che sta durando da diverso tempo e si sta facendo sempre più dura. Sul fatto, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato, sta ora indagando la Digos.  

COME NEL 2010 - Quella testa di maiale riporta alla mente un altro episodio molto simile risalente al 2010: in quel caso uno striscione simile, con annessa testa di un suino, fu posto di fronte all'ingresso della sede del Torino, in centro città. Nella sponda granata del capoluogo piemontese il clima di rabbia e delusione nei confronti del presidente Urbano Cairo è tornato ai livelli di dieci anni fa, fino a questo momento la protesta si era però limitata a sit-in pacifici di fronte allo stadio, manifestazioni di protesta e lenzuoli, cartelli e adesivi vari con scritto "Cairo vattene" appesi in vari punti di Torino.