182
Furia Bologna per la sconfitta con l'Inter, il ds dei rossoblù Walter Sabatini è intervenuto a Sky Sport al termine dell'incontro: "Conte ha parlato del Bologna? Lui mi ha detto di sì, ma mi pare non abbia sfiorato l'argomento: ovviamente chi vince si racconta, chi perde sta zitto. Noi però non dovevamo perdere questa partita, perché a due minuti dalla fine c'era un fallo evidente su Palacio: rigore o fuori area, il fallo me lo prendo ugualmente perché ci porta alla fine della partita. Poi ho visto Lautaro, che è un ottimo giocatore, guadagnare in scaltrezza, ma quel rigore è risibile perché trattiene la gamba: per me è un tuffetto.

Conte? Poi ho incontrato Antonio, mi ha detto che per lui il Bologna è stato un avversario forte e leale, ma è vero che lo ha detto? (chiedendo ai cronisti, ndr).

Mancate proteste per di Palacio? Siamo educati, Rodrigo è educato e non si mette a fare scene, però il fallo è evidente. Mi è spiaciuto, ho visto una grande partita con ottimi contenuti tecnici da entrambe le squadre.
Conte lo apprezzo molto, ma ha delegittimato il nostro gol: è una grande azione per me, come si fa a definirlo autogol? È un'azione armonica che la squadra ha portato avanti con coraggio.

Vi faccio una confessione, non torno più a parlare in tv, ho smesso di fumare anche se senza fumo è una vita dimezzata e sono troppo nervoso. Non voglio creare problemi, sono troppo nervoso per la partita: per farmi passare la serata mi servirà una nottata intera senza fumo".


Non solo il campo, in zona mista Sabatini si lascia andare anche a una rivelazione su Zlatan Ibrahimovic: "​È un rapporto tra lui e il mister. Non è impossibile, se dovesse succedere sarebbe per una questione di affetto tra loro due. Ibra vorrebbe aiutare Mihajlovic, e noi faremo di tutto perché succeda", riporta Tuttobolognaweb.it.