Commenta per primo

 

"Vogliamo arrivare in alto". Marek Hamsik ai microfoni di Radio Marte racconta le sue emozioni dopo il gol preziosissimo a Cagliari e analizza il bel momento del Napoli...
 
"Quest'ultima settimana è stata bellissima per noi. Qualificarci con un turno di anticipo in Europa League è stato importante e ci dà anche maggiore tranquillità per il campionato. Poi il successo a Cagliari ci ha riporatto ai vertici della classifica. Adesso però dobbiamo dimenticare quello che è abbiamo fatto e proseguire sulla strada guardando avanti. Ci aspetta la gara col Pescara e non sarà facile".
 
"Il gol dell'Is Arenas è stato pesante, mi sono inserito bene e poi mi ha aiutato anche la fortuna. Con il Milan avevo sfiorato il palo più o meno dalla stessa posizione, stavolta è andata bene"
 
A proposito di gol, Marek con 65 reti è nella top ten dei bomber azzurri..."Mi fa piacere e per me è un orgoglio. Ma più che ai gol, penso alla squadra. Mi piacerebbe arrivare in doppia cifra soprattutto per conquistare punti utili alla crescita in classifica. Questa Società in 7 anni con De Laurentiis è passata dalla Serie C alla Champions ed ai vertici del campionato. Oggi possiamo giocarcela con tutti. La nostra forza è grande fame di vittoria".
 
"La Coppa Italia è stato un traguardo stupendo. Vincere a Napoli è meraviglioso, e vorremmo conquistare ancora traguardi prestigiosi.  In tre anni Mazzarri ha costruito un gruppo unito, solido e forte. Al di là dei giocatori che sono andati e arrivati, la squadra mantiene una sua identità precisa e questo è importante. Il nostro rapporto con l'allenatore è straordinario, è una persona che tiene all'equilibrio del gruppo e che ci ha portato ad alti livelli".
 
Sei considerato il simbolo dell'Era De Laurentiis..."Di questo sono fiero, anche se il simbolo è l'intera squadra. A Napoli sono felicissimo. Ho un forte legame con il Presidente, con la Società e con i tifosi. Amo Napoli e mi piace tanto sia il calore della gente che la città. Spero di lasciare il segno nella storia del Napoli e ringrazio tutti i napoletani per l'affetto che mi fanno sentire ogni giorno"
 
Al di là del calcio, Marek è anche un modello per la cresta più imitata d'Italia..."Sì, ce lo avuta sin da bambino. Credo che la farò fare anche ai miei figli quando crescono. Sento molti ragazzi e anche bambini che chiedono di farsi la cresta alla Hamsik. Per me è un piacere vederli, forse per i loro genitori un po' meno..."