461
Intervenuto ai microfoni di Dazn al termine della sfida contro il Milan, il tecnico dell'Inter, Simone Inzaghi, ha analizzato gli episodi della partita e fatto mea culpa per il blackout nerazzurro.

Inter a due facce?
“Sì, all’inizio è stata una partita equilibrata e di studio. Poi abbiamo fatto un bel gol con una bellissima azione e dopo aver subito l’1-1 c’è stato un blackout che ci è costato altri due gol. Poi abbiamo trovato il secondo gol, bellissimo, ma quella mezz’ora ha lasciato a desiderare e dovevamo fare meglio. Io che sono l’allenatore sono il primo responsabile

Un po' quello che si era visto contro la Lazio?
“Sono state due partite diverse, noi stasera abbiamo fatto molta fatica a fare due gol. Avremmo potuto farne altri ma abbiamo trovato un grande Maignan. Noi, invece, prendiamo gol troppo facilmente e dobbiamo lavorare su questo”.

Questi gol presi vi lasciano cose negative o speri in una reazione?
“Analizzeremo, ma per vincere un derby bisogna fare di più. Dopo i cambi abbiamo fatto quello che dovevamo, ma in quel passaggio a vuoto il Milan ha fatto 3 gol”.
L’anno scorso la squadra ha dimostrato grande personalità, oggi è sembrato che la testa dei calciatori andasse piano.
“Gestire i momenti è troppo importante per la nostra squadra, non dobbiamo avere questi blackout visti contro Milan e Lazio perché in queste partite i dettagli fanno la differenza. Noi per fare due gol abbiamo dovuto costruire e fare giocate importanti, loro hanno segnato tre gol troppo facili”.

Come valuta la catena di destra?
“Parlare di singoli è difficile, abbiamo avuto quel momento dove abbiamo preso l’1-1 in uscita, con la partita in controllo. I quinti dovevano stare bassi a inizio partita e per questo avevo richiamato Dumfries. Prima del loro pareggio non c’erano avvisaglie”.

Avete gli stessi interpreti dello scorso anno ma prendete tanti gol, perché?
“Sono d’accordo, questa è la stessa squadra che l’anno scorso non ha preso gol per 8 partite. I numeri vanno letti e vanno letti in quella direzione. Facciamo fatica a far gol, potevamo farne di più senza Maignan, mentre loro andavano facilmente in porta. Sono io soprattutto, che sono l’allenatore, a dover migliorare questi aspetti”.

Avete comunque provato una reazione. 
“In questo momento mi brucia aver perso un derby, per i tifosi e per la società che ci tengono tantissimo. Dovevamo e potevano fare di più per questa partita che si è sempre decisa con episodi”