2

Ecco le parole dell'allenatore dell'Inter Walter Mazzarri al termine della gara col Sassuolo:  “Non lo dico solo oggi perché si è vinto in modo largo, ma a noi interessa soprattutto la prestazione perché siamo partiti da zero. Siamo stati in America e abbiamo pagato, dovevamo ritrovare l’autostima. Per cui conta l’approccio alle partite e il resto che ripeto sempre: stiamo andando bene, proprio come voglio vedere io. Tutto quello che prepariamo cerchiamo di farlo al meglio, quindi sono contento”.

Si può competere per il vertice? “Abbiamo sempre ambizione, lo può dire chiunque sia stato mio giocatore. La mentalità è che non bisogna accontentarsi mai, anche dopo i 30 anni. Poi gli obiettivi a noi non interessano: guardiamo partita dopo partita. Per ora lo stiamo facendo, continuiamo così. Senza organizzazione, anche le qualità individuali non si vedono. Se in 11 si danno una mano, per tutti è meglio e anche il valore individuale aumenta”.

Ora che rientra Milito, si può ipotizzare un Alvarez ‘alla Hamsik’? “Qui stanno crescendo in tanti, si possono fare tante cose. Anche il 3-4-3. L’importante è che ci sia equilibrio: bisogna concedere poco all’avversario, poi si può fare tutto. L’anno scorso, per esempio, nel filotto di vittorie, tutti i secondi tempi abbiamo fatto il 4-2-3-1. Io devo fare in modo che, anche quando cambio modulo, tutti sappiano cosa fare in campo. Qui ho tante soluzioni”.

Vittoria per Moratti? “No, è per tutti. I ragazzi, poi, hanno ripagato con una grande prestazione alle parole dette ieri dal presidente”.

 

Get Adobe Flash player