Commenta per primo

 

Ancora una minaccia. Delle zampe di cinghiale appena ucciso sono state fatte trovare davanti al cancello dell'azienda agricola di proprietà di Angelo Peruzzi, ex portiere della Juventus della Lazio e della Nazionale di calcio, a Blera, in provincia di Viterbo, paese di cui l'atleta è vicesindaco da circa due anni. 
 
È il secondo episodio di intimidazione che Peruzzi subisce dopo la sua elezione a consigliere comunale e la nomina a vicesindaco e assessore allo sport. Circa nove mesi fa, infatti, la moglie e la figlia, rientrando a casa, trovarono all'ingresso una testa di cinghiale insanguinata. L'episodio è stato denunciato ai carabinieri.