145
Settimane di aspettative e trepidante attesa per il tridente delle meraviglie, ma la prima si rivela un flop. Esordio amaro in questa Champions League per il Paris Saint-Germain, che non va oltre l'1-1 in casa del Bruges nonostante abbia schierato per la prima volta insieme dal 1' Lionel Messi, Kylian Mbappé e Neymar. Un attacco stellare, che si rivela sterile e perde anche pezzi.

NUMERI HORROR - Tanti passaggio per il trio, che scaldano i tifosi parigini, ma nulla di concreto. Soprattutto da Neymar e Messi, le vere delusioni della serata: il brasiliano tocca un solo pallone in area avversaria, Messi si ritrova spesso da solo a trottare per il campo, rimedia un giallo e una traversa che non salva una prova ben al di sotto dei fasti di Barcellona, considerato anche un altro gol divorato dalla Pulce. Meglio fa Mbappé, autore dell'assist per il momentaneo 1-0 di Herrera (pareggia dopo dodici minuti Vanaken) e di una bella conclusione parata da Mignolet, ma il francese deve arrendersi al 51' per un infortunio alla caviglia che ora preoccupa il PSG: l'ex Monaco ha stretto i denti dopo il problema accusato nel primo tempo, nella ripresa ha alzato bandiera bianca e ora si attendono gli esami strumentali per conoscere l'entità del guaio. Nel complesso, i numeri condannano l'attacco parigino: 9 tiri (di cui 4 in porta) contro i 16 (6 in porta) dei belgi, decisamente poco rispetto alle attese e dati che preoccupano in un girone in cui il Manchester City si prende la vetta con una prova di forza sull'RB Lipsia (6-3).
DONNARUMMA OUT - E mentre il PSG analizza i suoi problemi offensivi alla prima di Champions, Mauricio Pochettino continua con la sua alternanza in porta: ancora una volta tra i pali tocca a Keylor Navas mentre l'ex Milan Gianluigi Donnarumma resta a guardare dalla panchina, presto per parlare di caso ma il dualismo lascia perplessi gli ambienti parigini. Ora più preoccupati dopo il pareggio con il Bruges.