Dennis Praet tenta il miracolo. Il centrocampista della Sampdoria è ormai lontano dal terreno di gioco dal 25 gennaio: al Ferraris andò in scena Samp-Roma e Praet uscì dal campo lacrime per un problema muscolare. Inizialmente si sospettava uno stop di circa due mesi per il belga, ma il numero 18 blucerchiato ha lavorato in maniera molto intensa. Spesso Praet ha approfittato anche dei giorni di riposo, e pure delle soste, per farsi trovare pronto prima possibile.

Dieci giorni fa il giocatore ex Anderlecht è andato in panchina con l'Udinese; a Bergamo probabilmente avrebbe giocato qualche minuto, e ora in vista della partita con il Crotone sembra essere pienamente recuperato. Il Secolo XIX sottolinea anche un altro aspetto significativo: Praet vuole a tutti i costi andare al Mondiale in Russia. Recentemente il C.T. del Belgio Martinez ha detto: "Seguiamo 50 calciatori e il momento decisivo per la lista 23 sarà a maggio, porterò chi sta meglio a livello fisico". Parole che avrebbero riacceso la speranza numero 18 blucerchiato.

Ovviamente Praet sa di dover offrire prestazioni di altissimo livello da qui al termine della stagione, ma è anche consapevole del fatto che il suo nuovo ruolo di mezzala gli potrebbe facilitare il compito. Da trequartista era difficile per Praet sgomitare tra mostri sacri come Hazard e De Bruyne, ma con la nuova posizione in campo studiata per lui da Giampaolo il biondo centrocampista offre a Martinez varie soluzioni tattiche. Praet dovrà però necessariamente segnare anche qualche gol in più: ad oggi, ricorda ancora il quotidiano, sono zero le reti in campionato, anche a causa dei pochi tiri tentati