Commenta per primo

 

Consueto appuntamento del lunedì con Massimo Chiesa, ex arbitro internazionale e attuale opinionista di Telenova. Ai microfoni di Calciomercato.com, Chiesa valuta i principali episodi da moviola della Serie A (ma anche delle coppe europee e delle qualificazioni mondiali) e fa un'analisi delle tematiche arbitrali e regolamentari più scottanti a livello nazionale e internazionale.
 
Questa settimana non possiamo che partire da Milan-Inter. Iniziamo da una considerazione generale sulla gestione della gara da parte dell'arbitro Valeri
"Una gestione pessima, senza personalità, totalmente inadeguata all'importanza della partita. Ha sbagliato fin dal 1' minuto, evitando di ammonire Samuel per quel fallo intimidatorio al 1° minuto. Già prima del match pensavo che quella di Valeri fosse una designazione azzardata e non mi sono sbagliato. Ha dimostrato una assoluta mancanza di personalità, troppe volte è stato accerchiato dai giocatori che protestavano, subendo la situazione e accettando in maniera passiva anche qualche 'vaffa' di troppo (ne ho contati almeno quattro). Anche la gestione dei cartellini è stata allucinante".
 
Passiamo all'analisi degli episodi, partendo dal gol di Montolivo dopo il fallo fischiato a Emanuelson su Handanovic. Cosa ne pensa?
"Ha fischiato un fallo inesistente, Handanovic esce e nessuno commette fallo su di lui, tanto meno Emanuelson, che addirittura si protegge dall'uscita del portiere nerazzurro. Era un gol regolarissimo".
 
E l'intervento in area di Samuel su Robinho?
"Rigore netto, come può non averlo visto? E per Robinho sarebbe stata anche una chiara occasione da gol, quindi Samuel avrebbe meritato anche il cartellino rosso".
 
Cosa pensa del fischio 12 secondi prima della fine del primo tempo, che ha fatto infuriare Allegri ancor più degli altri episodi?
"E' stata una via d'uscita, Valeri era in totale confusione e ha anticipato la fine del primo tempo, in modo sfacciatamente inopportuno".
 
L'espulsione di Nagatomo?
"Giusto il rosso: ha fatto fallo e poi ha anche preso la palla in mano, più di così...".
 
Quindi ha ragione Allegri, quando dice che il risultato è stato deciso dagli errori arbitrali?
"Allegri ha ragione, la gara è stata conzionata dagli errori di Valeri". 
 
Passiamo a Siena-Juventus, arbitro Mazzoleni. Il primo giallo a Chiellini c'era? Carrera dice di no...
"L'ammonizione è giusta, perché Chiellini allarga le braccia, anche se è vero che poi Rosina si lascia un po' cadere".
 
Secondo il Siena poi il difensore della Juventus avrebbe meritato un secondo giallo, che ne avrebbe determinato l'espulsione...
"Non sono convinto che l'abbia preso. E' stato un intervento scomposto, ma anche riguardandolo un paio di volte in televisione non mi sono convinto che l'abbia davvero toccato".
 
Come valuta l'espulsione di Cosmi?
"Cosmi mi piace tantissimo, è davvero un personaggio simpatico e sanguigno. Ieri però ha fatto un po' il bambino: al di là del fatto che la sua protesta contro gli addetti al campo avesse o meno un fondamento, lui non può uscire dall'area tecnica. E il suo atteggiamento piccato quando è stato sanzionato è stato un po' infantile".
 
Passiamo a Roma-Atalanta: un paio di decisioni di Banti hanno fatto discutere.
"E' stato assurdo l'annullamento del gol di Denis e poi c'era un rigore per la Roma, netto, che non è stato fischiato".
 
Il rigore per il Cagliari a Torino, arbitro Celi, c'era?
"Ci stava tutto".
 
Nelle giornata di ieri c'è stata qualche decisione difficile che è stata azzeccata?
"La decisione presa a Firenze sul gol di Jovetic: è stato bravo l'assistente di Orsato. Jovetic era in gioco per pochi millimetri, tenuto in gioco da Gilardino: non era facile da vedere".
 
Il presidente dell'Aia, Nicchi, oggi ha detto che "la domenica degli arbitri è stata buona".
"E' stata mediamente accettabile, purtroppo con due picchi negativi molto bassi. Non bene a Roma e Valeri inadeguato per un match come il derby di Milano. Ma ha solo 34 anni, si farà".