Commenta per primo
Giampiero Ventura, allenatore del Torino, parla ai microfoni di Radio1 dopo lo 0-0 interno con l'Atalanta: "Il rigore su Moretti era evidente, a fine partita l'ho anche detto all'arbitro in maniera educata, magari può rivederlo dopo. Poteva starci il rigore, ma il loro portiere ha fatto anche due parate incredibili, abbiamo avuto la possibilità di vincere la partita, ma abbiamo anche rischiato in contropiede per la troppa voglia finale. A volte può girare male una palla e queste partite si possono perdere. Eravamo in 21 nella loro metà campo, non potevano esserci spazi, quindi il gol viene fuori da una giocata individuale, la parata di piede su Jansson è incredibile". 

Ventura prosegue: "Siamo un po' stanchi però abbiamo fatto novanta minuti cercando il risultato fino alla fine, più di questo non posso chiedere ai miei giocatori. Ci siamo resi conto a fine primo tempo che bisognava rischiare il dribbling o la giocata e credo che lo abbiamo fatto nel secondo tempo, anche questa è una tappa di crescita dalla squadra.

Amauri in realtà ha giocato più in questi due mesi a Torino che negli ultimi due anni, stiamo cercando di gestire le forze anche perché abbiamo 4-5 infortunati e siamo sempre gli stessi a giocare". 

Sul mercato di gennaio: "Un altro attaccante? Tutte le cose che possono rinforzare la squadra sono le benvenute, però credo che sia prematuro, facciamo crescere i nostri giovani, poi a gennaio si vedrà".