137

James non si muove a gennaio. Questo è quanto dichiarato nelle ultime ore da Jorge Mendes. Che poi ha confermato l'interesse di tanti top club per il talento colombiano. Parole che significano sostanzialmente che di un trasferimento si parla eccome, semplicemente non a gennaio. Anche perché James Rodriguez, arrivato al Real Madrid da fenomeno tra i fenomeni, è poi scivolato rapidamente allo status di uno tra tanti soprattutto sotto la gestione Zinedine Zidane. E tra i tanti top club interessati a lui, in una fase così embrionale del progetto futuro che sta disegnando per lui proprio Jorge Mendes, c'è anche la Juve. Lo stesso Beppe Marotta nella lunga settimana che ha preceduto la Supercoppa ha fatto capire come ormai la società bianconera possa progettare altri colpi a sensazione per rafforzare la squadra dopo quello che ha portato Pjanic e Higuain alla corte di Allegri, pur tenendo come sempre assolutamente sotto controllo il bilancio.

 

SOGNO JAMES – Accanita la concorrenza, attrezzatissima anche e soprattutto economicamente. Ma la Juve di oggi può permettersi di sognare e progettare un colpo come quello di James. Del quale ormai si parla già da tempo, fin da quando la scorsa primavera dalla Spagna era rimbalzata la clamorosa voce di una sua visita addirittura presso lo Juventus Center di Vinovo. La Juve d'altronde è sempre più vicina ai top club europei, determinata com'è a proseguire la propria scalata per agganciare anche i vari Real e Barcellona, United e Bayern Monaco. Dal mercato e da nuovi colpi alla Higuain passerà l'assalto alla Champions, l'appeal della Juve nel frattempo è tornato ad essere quello di un tempo ed ora anche i big stanno tornando a bussare alla porta bianconera.

 

FATTORE MENDES – Tanto più che i costi dell'operazione non avranno le stesse proporzioni di quando James passava dal Monaco al Real, per stessa ammissione di Jorge Mendes. Che anche in questa situazione farà la differenza. E che ormai da diverse stagioni si sta ritrovando a trattare per i purosangue della sua scuderia con la Juve, a lungo pure, fin qui senza successo. Ma da entrambe le parti la volontà è quella di smettere di inseguirsi e cominciare ad instaurare una collaborazione solida e di prospettiva. Da Falcao a Danilo passando per Andre Gomes, non si contano quasi più gli affari imbastiti e saltati all'ultimo o quasi. Chissà allora che non possa essere proprio James a far quadrare il cerchio, con il colombiano che avrebbe bisogno proprio di un club come la Juve per rilanciarsi e imporsi definitivamente dopo il parziale flop al Real, con la Juve che soprattutto continua a cercare l'uomo giusto cui affidare quella numero dieci che per mille motivi sarebbe meglio tirare fuori dal cassetto.

@NIcolaBalice