81
Le strade di Antonio Conte e dell’Inter si sono divise lo scorso maggio per “diverse visioni sul progetto tecnico per il futuro della Società”. È quanto emerge dal verbale dell’assemblea dei soci nerazzurri andata in scena lo scorso 8 luglio, riportato da Calcio e Finanza. Durante l’assemblea, infatti, uno dei soci ha chiesto “chiarimenti in relazione alle motivazioni che hanno portato la Società a riconoscere una buonuscita all’allenatore della precedente stagione sportiva”.

A rispondere è stato l’ad nerazzurro Giuseppe Marotta, che ha reso note anche le cifre della buonuscita: “Risponde il Chief Executive Officer Sport Giuseppe Marotta – si legge nel verbale dell’assemblea –, il quale informa che al termine della scorsa stagione la Società e l’allenatore si sono incontrati, e hanno preso atto di alcune diverse visioni circa il progetto tecnico per il futuro della Società; pertanto, le parti hanno deciso di comune accordo di risolvere il reciproco rapporto di lavoro. Nel contesto di tale accordo, come accade tipicamente nel mercato di riferimento, la Società ha riconosciuto all’allenatore un importo (pari a circa la metà del compenso previsto dal contratto di lavoro per la stagione 2021/2022), al fine diremunerare gli impegni assunti dall’allenatore nel contesto della risoluzione contrattuale”.

Nel corso dell’assemblea, inoltre, erano stati nominati come amministratori indipendenti Carlo Marchetti e Amedeo Carassai, dopo le dimissioni dal CdA di Tom Pitts (rappresentante di LionRock, azionista di minoranza del club nerazzurro) e l’operazione di finanziamento con Oaktree. “Con riferimento al secondo punto all’ordine del giorno, il Segretario, per conto del Presidente, informa i presenti che il Consigliere James Emilian Thomas Pitts, già nominato quale membro del Consiglio base dell’unica lista soci in data 18 febbraio 2019 sulla Great Horizon S.à r.l., ha rassegnato le proprie dimissioni di Amministrazione dall’assemblea dei presentata dall’allora socio di maggioranza dalla carica con efficacia dalla data odierna”, si legge nel verbale, in cui inoltre viene anche reso noto il compenso per i due amministratori indipendenti.
“Risultano eletti quali membri del Consiglio di Amministrazione fino alla data dell’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio relativo che si chiuderà al 30 giugno 2021, i signori Carlo Marchetti e Amedeo Carassai”.

“Successivamente, il Segretario, per conto del Presidente, su indicazione del socio di maggioranza Grand Tower S.à r.l, propone all’assemblea di stabilire che a ciascuno dei neonominati Amministratori Indipendenti Carlo Marchetti e Amedeo Carassai spetti una remunerazione annua per la carica ricoperta nella Società pari a Euro 30,000 (trentamila/00)”, conclude il verbale dell’assemblea degli azionisti.