211
Un errore grave, che rischia di condizionare la rincorsa del Milan a un piazzamento che valga l'accesso alla prossima Champions League. Un obiettivo fondamentale per il club rossonero per la pianificazione delle future strategie, tanto per l'acquisto di nuovi calciatori quanto per blindare quelli più importanti attualmente in rosa. Ecco perché svarioni come quello commesso da Theo Hernandez in occasione dell'ultima partita di campionato contro la Sampdoria hanno un peso specifico diverso se commessi a questo punto della stagione. Quando i risultati possono certificare o vanificare tutto il lavoro svolto sino ad oggi e assumono dunque un'importanza capitale.

SUPERFICIALITA' - L'aggravante per Theo Hernandez è che non si tratta del primo (anche il primo gol con lo Spezia nasce da una sua "uscita" spericolata) in un 2021 decisamente più in chiaroscuro rispetto alla prima metà di campionato e soprattutto per le modalità con cui è arrivato l'incredibile "assist" a Quagliarella, che ha poi beffato Donnarumma in pallonetto. Un errore frutto della superficialità, della scarsa attenzione denotata dall'esterno francese, così come dal resto della squadra, in tante, troppe, occasioni da quando la Serie A è ripresa dopo la sosta di Natale. Uno spartiacque per la formazione di Pioli e nello specifico per l'ex giocatore del Real Madrid che, dopo l'incornata da 3 punti nell'ultimo match del 2020 contro la Lazio, è andato incontro a un deciso calo di rendimento. Fisiologicamente atletico per certi versi, ma soprattutto di natura mentale per chi, come Theo, è stato travolto da un'ondata di complimenti per le ottime prestazioni fornite da ottobre sino a dicembre.
LIMITI PREOCCUPANTI - I paragoni con i migliori interpreti del ruolo in giro per l'Europa, i rumors su una valutazione di mercato volata alle stelle per effetto dei sondaggi effettuati dal Paris Saint-Germain sembrano aver lasciato delle tracce nelle testa di un giocatore che incide meno in fase offensiva e che in quella difensiva, da sempre il suo principale tallone d'Achille, continua a denotare limiti di concentrazione molto preoccupanti. Per fare il salto di qualità definitivo e tornare a trascinare la sua squadra nella rincorsa verso un obiettivo troppo importante per il proprio futuro, c'è dunque bisogno di una brusca inversione di tendenza da parte di Theo Hernandez. Mettere da parte le inutili distrazioni e tornare ad essere pienamente centrato sugli obiettivi di squadra, perché errori come quelli con la Samp possono mandare all'aria tutta la stagione del Milan.