523
Zhang sparisce per mesi e poi riappare, guarda caso nel giorno della finale di Europa League e quando c’è da festeggiare uno scudetto. Un dettaglio troppo evidente, che i calciatori non hanno potuto fare a meno di notare. Il presidente ama mettere la faccia quando il nome della sua famiglia può essere accostato a qualche trionfo, si fa vedere commosso quando sventola il bandierone di fronte alla folla in estasi. Ma si nasconde dietro ai vetri scuri e sulle sedute posteriori della Volvo, quando entra ad Appiano per chiedere a tutti di rinunciare ai soldi. Anzi, chiama preventivamente i guardiani della Pinetina affinché lascino aperta la sbarra all’ingresso per poter sfrecciare in auto ed evitare i giornalisti.

SACRIFICI FINI A SE STESSI, MA LE PROMESSE? - Ad Appiano la sua credibilità vacilla, perché la squadra si aspettava di vedere illustrato un progetto di sviluppo che combattesse le difficoltà attuali. La proiezione di un orizzonte futuro, lontano ma tangibile. Bastava questo, ma Zhang ha chiesto loro un sacrificio fine a se stesso. Una richiesta che il gruppo ha recepito nel peggiore dei modi, anche perché c’è chi aspetta da mesi il concretizzarsi di belle promesse. C’è chi attende rinnovi che sembrano scontati, ma che Suning rischia di complicare.



SITUAZIONE BASTONI - C’è Bastoni che aspetta una chiamata. Il suo valore è schizzato alle stelle, Guardiola lo corteggia da tempo e lui, da interista, ha sempre dato priorità all’Inter. Ausilio ha raggiunto l’accordo per il rinnovo a marzo ma da allora è tutto bloccato. È stata chiesta pazienza, ma il tempo passa e la situazione peggiora. E come se non bastasse, non solo slitta il rinnovo, ma Zhang di rientro dalla Cina, gli ha chiesto anche di rinunciare a due mensilità.

IL MILAN CHIAMA D'AMBROSIO - Più o meno la stessa situazione che sta vivendo Danilo D’Ambrosio, con l’aggravante che il difensore campano andrà in scadenza di contratto nel prossimo mese di giugno. Zhang gli aveva promesso che entro gennaio la sua situazione sarebbe stata risolta definitivamente, ma siamo arrivati a maggio inoltrato e a D’Ambrosio non sono ancora stati riconosciuti dei compensi legati ai diritti d’immagine. Intanto il Milan si è informato, dall’altra sponda del naviglio provano a capire quali siano i margini di manovra. Dall’Inter lasciano invece filtrare che entro fine maggio dovrebbero riuscire a far valere l’opzione di rinnovo, unilaterale.

TUTTO DA RIFARE PER DE VRIJ - Fermo anche il rinnovo di Stefan de Vrij. La stretta di mano con Raiola, il suo agente, risale a diversi mesi fa, ma dopo la vittoria dello scudetto e un ruolo sempre più centrale del calciatore nel progetto Conte, c’è la possibilità che il procuratore voglia rivedere al rialzo le cifre.

ATTENDONO ANCHE CAPITAN FUTURO E IL “TORO” MARTINEZ - Per non parlare di Barella, (mai neanche contattato per la questione rinnovo, nonostante continuino a indorargli la pillola con la storia di capitan futuro) e di Lautaro Martinez, che ha cambiato agente e dovrà reimpostare tutto, ma con il Real Madrid in forte pressing e un Alejandro Camano, che ha sempre fatto grandi affari con i blancos.

ARGOMENTO TABÙ - In questo mare in tempesta, di promesse non mantenute, stipendi dilazionati, lunghe assenze e silenzi societari, Zhang ha pensato di toccare ai calciatori l’unica cosa che ai calciatori non bisogna mai toccare: i soldi! Lo ha fatto prima ancora di trattare la questione singolarmente con ognuno di loro, incontri che, fanno sapere da Appiano, ci saranno nei prossimi giorni. Nella speranza che possa tornare un po’ di buonumore. Se Zhang troverà i giusti argomenti.