5
Tutti pazzi per la Toscana, e per le nostre società di serie C. Che finiscono nel mirino dei grandi club di serie A per creare dei satelliti, delle realtà amiche o affiliate dove mandare a giocare e maturare i propri ragazzi. Una strada a doppio senso, naturalmente, con i talenti più brillanti della Toscana che prenderanno la strada di Milano, Roma o Firenze. Già, perchè i pionieri di questi progetti (non chiamiamole squadre B perchè da quest’orecchio il presidente federale Macalli non ci sente) sono proprio loro scrive il quotidiano Il Tirreno: l’Inter, che ufficializzerà la partnership col Prato, la Roma, che ha avuto fior di abboccamenti con la Pistoiese (con il direttore sportivo Sabatini che ha addirittura incontrato il sindaco) e la Fiorentina che dopo trattative con Prato e Viareggio sembra aver scelto il Tuttocuoio come palestra per i propri gioielli in erba. Un fenomeno non solo toscano, chiaramente: a fare da apripista è stato Claudio Lotito, presidente della Lazio, che si è comprato anche la Salernitana, e quindi è stata la volta del Parma che ha messo gli occhi sul Gubbio. E si parla anche di una possibile collaborazione tra Juventus e Carrarese con un garante d’eccezione come Gigi Buffon.