112
Appeso a un filo. Il futuro di Sinisa Mihajlovic è legato alla sfida, dopo la sosta, contro il Torino e secondo quanto scrive il Corriere dello Sport oggi in edicola, nonostante le smentite di rito, il Milan sta già pensando al sostituto. Se sabato 17 i rossoneri perdono contro la squadra di Ventura, ci sarà il ribaltone in panchina. In pole position, per il carisma e l'autorità, c'è Marcello Lippi (direttore tecnico) con Christian Brocchi suo assistente di campo: l’ex ct azzurro sembra il più accreditato per gestire un’unità di crisi alla quale nessuno avrebbe mai voluto pensare solo un mese fa. Questa soluzione era stata presa in considerazione qui al Milan anche fra febbraio e marzo scorsi quando Inzaghi, con l’inizio del 2015, aveva perso lo slancio che poco prima di Natale aveva condotto il Milan a ridosso della zona Champions League. La coppia Lippi-Brocchi, risultata gradita anche allo stesso Berlusconi, è riapparsa all’orizzonte della panchina rossonera nuovamente a giugno quando è ricominciato il toto-allenatore per il dopo Inzaghi.