128
Pochi dirigenti in Italia sanno far quadrare i conti mantenendo alta la competitività della rosa come Beppe Marotta. Il dirigente nerazzurro sta già impostando il lavoro sul mercato da portare a termine la prossima estate. L’Inter ha una sola strada per regalare i rinforzi giusti a Simone Inzaghi: massimizzare gli incassi in determinate cessioni anche eccellenti e provare ad agevolare le uscite di quei giocatori che hanno reso meno rispetto alle aspettative e ai costi. È il caso di Arturo Vidal che si è reso protagonista di alcuni comportamenti che non sono stato graditi dallo stato maggiore nerazzurro. 

Ascolta "Inter, due cessioni in programma con risparmio da 16,5 milioni: il piano di Marotta" su Spreaker.
VIDAL AL FLAMENGO - Marotta ha deciso di adottare la linea dura nei confronti dell’ex Barcellona al quale non verrà più perdonato nulla extra-calcio. Vidal, come svelato dal nostro Pasquale Guarro, nella prossima stagione andrà a guadagnare circa 9,5 milioni. Una cifra considerevole che non è stata giustificata dalle prestazioni sul campo. Arturo lascerà sicuramente l’Inter a giugno per volare in Brasile e coronare il sogno di vestire la maglia del Flamengo. In dubbio anche il futuro di Alexis Sanchez: Simone Inzaghi si fida molto di lui ed è stato ripagato da gol pesanti come quello nella finale di Supercoppa Italiana. Ma il contratto da 7 milioni di euro netti pesa tanto e porterà a delle profonde riflessioni. Con il risparmio di due ingaggi così importanti l’Inter potrebbe avere un margine di manovra diverso per andare a chiudere su un grande attaccante: i nomi sono quelli di Scamacca, Haller e David.