Uno dei primi colpi dell'estate blucerchiata, dopo Colley, porta il nome di Jakub Jankto. Il classe 1996 esploso nell'Udinese è infatti il nuovo centrocampista della Sampdoria, che lo ha strappato ad una fitta concorrenza con argomenti convincenti per i bianconeri e per lo stesso calciatore. A rivelarlo è stato proprio il giocatore ceco: "Quando è arrivata la Sampdoria non ci ho pensato tantissimo, ci siamo seduti al tavolo e abbiamo pensato che per la mia carriera e la mia crescita fosse la scelta migliore" ha spiegato Jankto a Telenord. "Il mio ruolo? Al centro del campo o a sinistra, o anche sulla trequarti, però l’ultimo anno ho giocato poco in questo ruolo. In nazionale ho giocato anche esterno sinistro, ma dipende da cosa deciderà l’allenatore". L'impatto con mister Giampaolo ha confermato quello che Jankto sapeva già: "Il mister chiede molto, ma è giusto così, gli allenamenti sono intensi ma mettiamo benzina per il campionato e la sfrutteremo per tutta la stagione”.

 “Ci sono tanti giocatori ai quali mi ispiro" prosegue l'ex Udinese raccontando i suoi modelli. Per quanto riguarda il mio paese mi è sempre piaciuto molto Tomas Rosicky, adesso ammiro Isco, uno che crea molte occasioni. La Nazionale? Volevamo qualcosa di più e qualificarci per i Mondiali. Speriamo che nei prossimi due anni ci sia un progetto interessante, ci sono giovani interessanti come Schick e Barak e come lo posso essere anche io. Dobbiamo lavorare e fare bene per il nostro paese” riporta Sampdorianews.net.
Jankto ha anche degli obiettivi piuttosto significativi per la stagione 2018-19: “Vogliamo migliorare il piazzamento, questa squadra può fare meglio dell’anno scorso. A livello personale - conclude il neo blucerchiato - l'obiettivo è quello di essere sempre più forte”. La Samp si augura con tutto il cuore che possa riuscirci.