Commenta per primo

Nel dopopartita Tare è furibondo. E accusa l'arbitro. "L'arbitro è stato chiaramente condizionato dalla pressione ambientale - spiega il d.s. della Lazio -. Nel primo tempo c’era un rigore netto per noi su Ederson, con espulsione per il Fenerbahce. Penso he l’arbitro stava vedendo qualcos’altro, un'altra partita. L'unica cosa che mi viene da pensare è che abbia risentito della pressione ambientale". L'analisi di Tare continua: "Devo ammettere che l’espulsione di Onazi è stata giusta. La Lazio ha fatto la sua partita molto bene, ordinata, e non possiamo rimpiangere nulla. Come l'avevamo preparata".

All'orizzonte c'è però già il derby: "Pensiamo adesso al derby, perché per noi è un altro campionato. Abbiamo vinto all’andato e vogliamo vincere anche al ritorno". E chiude: "Giovedì, in uno stadio vuoto e questo per noi è un grande handicap, daremo il massimo per portare a casa la qualificazione. E aggiungo: anche il fallo di rigore per i turchi è stato condizionato dal pubblico, è un tocco di mano involontario. Vorremmo che anche gli altri rispettino la Lazio".