242
Una settimana, forse qualcosa di meno. Il Milan aspetta con ansia il ritorno di Ismael Bennacer, ​out dalla sfida con il Parma di metà dicembre, quando ha abbandonato il campo per un infortunio muscolare che gli esami hanno poi etichettato come lesione al bicipite femorale. Il centrocampista algerino, salvo complicazioni, dovrebbe tornare a disposizione per il match di sabato prossimo contro il Bologna, fondamentale per ripartire, per riprendere la marcia, per dimostrare che la pesante sconfitta contro l'Atalanta è stata solo un incidente di percorso.

RECUPERO CHIAVE - Il Milan anche senza l'ex Empoli ha saputo avere continuità di risultati, ma sarebbe sbagliato credere che la sua assenza non si sia fatta sentire. Tonali, chiamato a sostituirlo, ha dato risposte positive a fasi alterne, Krunic non ha incantato, con Bennacer in campo è però tutta un'altra storia. Dà più equilibrio e migliora i tempi di gioco, recupera più palloni e dà soluzioni diverse nel lavoro di costruzione. Un recupero chiave per Pioli, che in rosa non ha giocatori all'altezza del vincitore dell'ultima Coppa d'Africa.

FUTURO - Per il Milan Bennacer è fondamentale, la sua situazione contrattuale non lascia però tranquilli Maldini e Massara. A spaventare non è la scadenza, 2024, ma la clausola: se la prossima estate un club estero arriva con 50 milioni di euro può prenderlo e portarlo via, senza che il Milan posa dire nulla. Per questo non va escluso un incontro nelle prossime settimane tra club e agenti, per evitare brutte sorprese.