96
La trattativa che sembrava ben avviata per il rinnovo di El Shaarawy ha subito un improvviso stop. La frenata è arrivata dopo due episodi decisivi per il futuro della Roma: il no di Conte e l'addio di De Rossi. Fattori che porteranno pure Dzeko e Manolas a cambiare aria. Non ci sarebbero quindi solo motivazioni economiche dietro il congelamento dell'accordo.

NON SOLO SOLDI - Il Faraone, infatti, ha chiesto 4 milioni di euro a stagione per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2020. Lo stesso stipendio percepito da giocatori come Pastore o Dzeko. La Roma si spingerà al massimo a 3 milioni ma, come detto, a pesare sulla decisione di El Shaarawy ci sono pure motivazioni tecniche. Il club giallorosso, infatti, non partirà in prima fascia la prossima stagione vista l'opera di ridimensionamento anticipata da Ranieri. E alla porta di Stephan ha bussato la Juventus oltre a un paio di club di Premier League. I bianconeri, visto il contratto in scadenza di ElSha, vogliono accaparrarsi l'attaccante a un prezzo relativamente basso e includendo il cartellino di Perin che piace a Gasperini, candidato forte per la panchina giallorossa. Nel caso poi in cui dovesse sbarcare in bianconero Sarri, suo grande estimatore tanto da chiederlo già ai tempi del Napoli, le cose per la Roma si complicherebbero. La prossima settimana ci sarà un nuovo incontro tra l'entourage dell'attaccante e prossimo ds Petrachi.