8
L'unica operazione di mercato realmente imbastita dalla Sampdoria sino a questo punto del calciomercato riguarda l'attacco, e coinvolge due nomi in particolare: Dawid Kownacki e Manolo Gabbiadini. Marco Giampaolo ieri nella riunione di mercato andata in scena a Bogliasco è stato piuttosto chiaro: non vuole variare assetto alla sua formazione, "Cambiare per cambiare, meglio rimanere quelli che siamo", è la battuta riportata da Il Secolo XIX. E la dirigenza sta cercando di accontentarlo, tenendo conto dei calciatori che però hanno espresso il desiderio di cambiare aria. Tra essi c'è appunto il polacco, e la Samp ne ha approfittato tentando di cogliere una ghiotta occasione di mercato.

L'opportunità in questione è rappresentata come noto da Gabbiadini, che il Southampton ha messo sul mercato. La Samp si è fiondata sull' ex Napoli, che consentirebbe di alzare il livello dell'attacco, aumentando anche il livello di competitività interna, ma prima dovrà perfezionare l'uscita di Kownacki (non c'è ancora intesa con il Fortuna sulla formula). Se ne riparlerà comunque oggi e soprattutto domani, quando da Roma arriverà Ferrero.

La volontà del Doria è quella di affrettare i tempi, ma i blucerchiati vogliono portare avanti parallelamente tutte e due le trattative, per non rischiare di perdere Kownacki e magari contemporaneamente vedersi soffiare Gabbiadini. La notizia di giornata però è che Corte Lambruschini avrebbe già ottenuto l'assenso del giocatore: l'attaccante vuole a tutti i costi tornare in Italia, e ha già espresso la sua preferenza nei confronti del Doria. La Samp è anche già sostanzialmente d'accordo con il Southampton sulla base di un prestito con obbligo di riscatto a 12 milioni, e pure con il calciatore per l'ingaggio, che dovrebbe attestarsi attorno agli 1,6 milioni a stagione.