39
Dybala segna, Higuain svolta le partite dalla panchina, Ronaldo è Ronaldo, De Ligt spacca in due l'opinione tra chi ha fiducia nelle sue doti e chi, invece, ritiene un flop il suo avvio con la Juve. E poi c'è Juan Cuadrado, passato nel giro di pochi mesi da 'anonimo' sacrificabile a protagonista a tutto tondo: nel bene o nel male, il nome del colombiano è sempre in copertina.

JOLLY - Tutto è iniziato con la crisi terzini che ha colpito i bianconeri. L'azzardo di presentarsi ai blocchi di partenza con tre soli interpreti, Alex Sandro, Danilo e De Sciglio, è stato presto punito quando gli ultimi due si sono infortunati in contemporanea costringendo Sarri a optare per una soluzione di emergenza. Cuadrado ha subito risposto presente e le sue prestazioni sono andate in crescendo, a tal punto da insidiare anche per le prossime gare i due titolari della fascia. I guai fisici di Douglas Costa e il rientro del brasiliano ancora in dubbio, tuttavia, potrebbero riportare il polivalente colombiano in fase offensiva.

QUANTE POLEMICHE! - Nel bene o nel male, perché tra nazionale e club Cuadrado è stato anche al centro di due grandi polemiche nelle ultime settimane. La prima risale a una decina di giorni fa, all'ultima sosta per le nazionali, che ha visto il bianconero impegnato con la Colombia: nella sfida con il Cile, un suo duro intervento ha provocato l'infortunio di Alexis Sanchez, costretto poi a un intervento chirurgico alla caviglia sinistra che lo terrà ai box almeno tre mesi. 'Rotto' un avversario, per giunta dell'Inter acerrima nemica della Juve e prima inseguitrice dei campioni di Italia nella corsa allo scudetto: piovono accuse e insulti dal popolo nerazzurro, un polverone durato per giorni sui social. Dalla nazionale alla Champions, di nuovo al centro delle polemiche e in qualche modo sempre con l'Inter di mezzo: durante Juve-Lokomotiv intervento molto duro di Cuadrado su Joao Mario (in prestito a Mosca proprio dai nerazzurri), fallo che avrebbe potuto anche costare il cartellino rosso all'esterno ma che il fischietto greco Sidiropoulos ha voluto sanzionare solo con il giallo. Abbastanza per alimentare la furia dei tifosi non juventini, situazione 'aggravata' dall'assist fornito proprio dal colombiano per il gol di Dybala che dà il la alla rimonta bianconera.

RINNOVO - Tuttofare, oggetto (suo malgrado) di polemica e al contempo decisivo con i suoi assist e, all'occorrenza, anche con gol (come quello realizzato all'Atletico Madrid nella prima giornata di Champions). Una specie di one man show di Cuadrado, che ora attende notizie più concrete sul proprio futuro. Destinato ad essere ancora a tinte bianconere nonostante il contratto in scadenza al termine della stagione: lavori in corso per arrivare alla definitiva fumata bianca sul rinnovo, se c'è l'intesa sull'ingaggio (4 milioni di euro annui) si ragiona sulla scadenza del nuovo contratto, se optare per un prolungamento annuale fino al 2021 o estendere fino al 2022. Dettagli, ma la Juve ha capito di non poter rinunciare così facilmente a un jolly dall'alto rendimento come Cuadrado.

@Albri_Fede90