Claudio Foscarini, allenatore dell'Avellino, parla in conferenza stampa a due giorni dalla sfida contro la Ternana: "Le sensazioni sono positive, vedo determinazione, concentrazione e serenità negli occhi dei ragazzi. I buoni propositi vanno trasformati in fatti concreti, altrimenti restano parole senza significato. Non penso al futuro, ogni risorsa va incanalata verso la chiusura del campionato. Prima la salvezza, poi pensiamo al futuro. Non credo che la Ternana stia messa peggio di noi. A loro mancheranno sei, sette calciatori, ma ne mancheranno tanti anche a noi. Vajushi e Ngawa, per esempio, sono convocati, ma non sono al meglio. La Ternana non mi fa dormire sonni tranquilli, subisce tanto, ma ha pure segnato 61 gol. Ci sono squadre che giocheranno i play-off che hanno segnato meno della Ternana. L’ultima partita in casa, dopo una retrocessione, non si gioca tanto per giocarla. Proveranno a lasciare un buon ricordo, rispettando i tifosi. Ci vuole molta attenzione nel preparare la partita e molta intelligenza nell’interpretazione da parte dei calciatori".