234
Ci ha messo un po’ di tempo, non è stato semplice all’inizio. Ma Alessandro Florenzi, pian piano, si sta rilanciando al Milan. Sta ottenendo quel riscatto che cercava, sta smentendo chi lo dava per finito. Il tutto sempre con il sorriso stampato in faccia. Un fattore chiave, questo: nello spogliatoio è importante, sempre pronto alla battuta, a stemperare i toni. Si è inserito alla grande, facendosi benvolere da tutti. Ora anche in campo sta dando un contributo notevole.


I NUMERI - Dopo l’ultima sosta per le nazionali Alessandro è partito in quarta. Complice l’infortunio di Calabria, si è appropriato di quello che sente essere il suo ruolo, terzino destro in una difesa a quattro. Dal 20 novembre, Fiorentina-Milan, Florenzi ha giocato tutte le partite dei rossoneri in campionato. Dalla prima all’ultima, con in mezzo il bel gol contro l’Empoli, subito prima di Natale. Le presenze da titolare in Serie A sono 9, in totale 14. 

IL RISCATTO - Affidabile, preciso e sempre più incisivo anche in fase offensiva. Così Florenzi si sta guadagnando quel riscatto che tanto vorrebbe. Arrivato in estate in prestito oneroso da un milione di euro, il Milan ha concordato con la Roma un diritto di riscatto a 4,5 milioni. Il club rossonero è soddisfatto del rendimento del giocatore, così come contento è l’allenatore Pioli. Una decisione definitiva sui giocatori da riscattare verrà presa in primavera, ma Florenzi sta andando nella direzione giusta. Forse stavolta ha trovato per davvero la sua nuova casa.