177
Dopo circa due mesi dall’infortunio muscolare patito contro il Bologna, Samu Castillejo è tornato in campo aiutando il Milan a rimontare l’iniziale vantaggio dell’Udinese. Una buona prestazione quella dello spagnolo che in quanto a professionalità e dedizione alla causa non è secondo a nessuno in casa rossonero. Un atteggiamento che è stato apprezzato da società e allenatore ma che non cambia i piani sul futuro: l’ex Villarreal è fuori dal progetto e a gennaio Maldini e Massara contano di definire la sua cessione dopo il tentativo andato a vuoto la scorsa estate con il Cska Mosca.
AVANZA IL GENOA - Castillejo potrebbe percorrere l’autostrada A7 direzione Genova. Ad attenderlo c’è Andriy Shevchenko che si aspetta una sessione di calciomercato infernale scoppiettante da parte della sua società per tentare la scalata in classifica. L’allenatore ucraino vuole il numero 7 rossonero, ne ha già parlato a più riprese con Paolo Maldini che farebbe volentieri un favore a un amico di vecchia data. I contatti tra le società vanno avanti, si ragiona anche sulla formula che possa permettere al Milan di ricavare una cifra interessante (intorno ai 7 milioni di euro) da reinvestire per un nuovo difensore centrale. Se da parte del Milan è arrivato il semaforo verde a parlarne, ora il Grifone attende segnali dallo spagnolo. Samu vuole prendersi del tempo per riflettere attentamente, la possibilità di rilanciarsi con un pubblico caldo come quello genoano non lo fa restare indifferente. Ma la priorità sarebbe quella di tornare a giocare nella Liga dove sia l’Elche che il Getafe hanno manifestato un certo interesse.