1
Nonostante la svolta tanto invocata non ci sia ancora stata, la posizione di Thiago Motta alla guida del Genoa non appare al momento in bilico.

Probabilmente per almeno altre due settimane il tecnico italo-brasiliano godrà del sostegno della dirigenza rossoblù. Tuttavia qualora i risultati continuassero a tardare il suo esonero diverrebbe ineluttabile.

Un'ipotesi poi non così remota, quella dell'accantonamento dell'ex centrocampista, che secondo il Secolo XIX sta inducendo Preziosi e soci a guardarsi intorno alla ricerca di possibili sostituti.

Nella ristretta lista di nomi vagliati dal presidente genoano figurano quelli di tecnici già presi in considerazione un mese e mezzo fa, quando lo stesso Thiago Motta preso il posto di Aurelio Andreazzoli. In particolare i profili più gettonati sarebbero quelli di Francesco Guidolin e di Davide Ballardini.

Alternative plausibili ma non senza controindicazioni. Il primo non allena infatti da oltre tre anni, il secondo si è invece lasciato in malo modo con Preziosi dopo il suo esonero all'inizio della passata stagione. Situazioni delicate, da non trascurare in caso il club più antico d'Italia decidesse di insediare sulla propria panchina il sesto tecnico nel giro di 14 mesi.